Alleanza cosmica. Riconnettere natura, società e spiritualità (Italian Edition)

Free download. Book file PDF easily for everyone and every device. You can download and read online Alleanza cosmica. Riconnettere natura, società e spiritualità (Italian Edition) file PDF Book only if you are registered here. And also you can download or read online all Book PDF file that related with Alleanza cosmica. Riconnettere natura, società e spiritualità (Italian Edition) book. Happy reading Alleanza cosmica. Riconnettere natura, società e spiritualità (Italian Edition) Bookeveryone. Download file Free Book PDF Alleanza cosmica. Riconnettere natura, società e spiritualità (Italian Edition) at Complete PDF Library. This Book have some digital formats such us :paperbook, ebook, kindle, epub, fb2 and another formats. Here is The CompletePDF Book Library. It's free to register here to get Book file PDF Alleanza cosmica. Riconnettere natura, società e spiritualità (Italian Edition) Pocket Guide.

Gelati, Pedagogia speciale e integrazione. Dal pregiudizio agli interventi educativi, Roma, Carocci, ; P. Gaspari, Il bambino sordo. Radici e prospettive, Brescia, La Scuola, ; M. Lo sguardo della Pedagogia speciale, Milano, Mondadori, e di A. Mura, Pedagogia speciale. Riferimenti storici, temi e idee, Milano, FrancoAngeli, La microstoria, infatti, approfondisce e illumina segmenti, tempi, spazi, restituendoli al piano generale per arricchirne la conoscenza Cfr. Topolski, In questo senso importanti si rivelano, tra i tanti, gli studi di M.

Genovesi, L. Cappellari, D. De Rosa, Il padiglione Ralli. Bellatalla, G. Genovesi, E. Marescotti a cura di , Tra natura e cultura. Goussot, A. Callegari, La Shoah dei disabili. Paolini, Ausmerzen. Vite indegne di essere vissute, Torino, Einaudi, ; A.


  • Il Guado - Settembre 2013.
  • Archivi tag: IlVideogioco!
  • Musica da scimmie (Maggio 2016 - Fitzroy).

Magnanini, , pp. Temi attuali e pregnanti di tutta la riflessione pedagogico-speciale. Su questo approccio si veda il volume di Bellatalla L. Roma: Anicia. Cura morale, igiene ed educazione degli idioti e di altri fanciulli ritardati nello sviluppo, agitati da movimenti involontari, deboli, muti non-sordi, balbuzienti, ecc.

Magnanini, Stiker, , pp. Mannucci, , p. Non si tratta di analizzare, sbeffeggiare, esorcizzare il corpo, ma di educarlo. Corso: Ferrara, p. Gelati M. Trasferitosi, in seguito negli Stati Uniti7, dopo la proclamazione di Napoleone III, continua incessantemente la sua carriera, fondando istituti per idioti, perfezionando la propria metodologia Pavone, , p. Il suo vuole essere un sistema educativo integrale, che comprende tutte le. Berbero S. Pedagogista clinico. Pedagogia clinica, 1, p. Pesci G.

Le radici della Pedagogia speciale…, estremi bibliografici nel corpo del testo. Pedagogia degli anormali. Firenze: Editrice Universitaria. Per questo insiste su una diagnosi ben fatta. Vi sono dei sintomi fisiologici da non sottovalutare per impostare con gli idioti un lavoro di recupero, di riabilitazione e di miglioramento continuo.

Non ci sono parti da educare ed altre da sottovalutare, rifiutare o rinnegare. Insomma, il suo corpo appare segnato, con vistosi limiti a condurre una vita normale. Limite dal latino limes, connesso a limus obliquo e limen soglia. Non esiste un metodo valido per tutti. Non appena, infatti,. Di Donato M. Indirizzi fondamentali. Roma: Studium e Barbieri N. Padova: Cluep. Con la ginnastica si potranno sviluppare funzioni muscolari, utili allo sviluppo delle attitudini. Il contatto corporeo permette al soggetto di conoscersi e di padroneggiare i propri movimenti per trasformarli in azioni volontarie.

Tutto passa necessariamente dal corpo. Riferimenti bibliografici Bellatalla L. Storia della Pedagogia e Filosofia della scienza. Bellatalla, P. Metodi, fonti, modelli e contenuti.

Download Florentiana PDF - DarrinAlex

Bellatalla L. Storiografia pedagogica. La dimensione metodologica. Fonti e metodo della storiografia pedagogica. Genovesi, Storia della Pedagogia. Questioni di metodo e momenti paradigmatici. Firenze: Le Monnier. Bonetta G. Corpo e Nazione. Borselli G. Balduzzi a cura di , Voci del corpo. Prospettive pedagogiche e Didattiche. Firenze: La Nuova Italia. Caldin R. Introduzione alla Pedagogia speciale. Padova: Clueb.

Cambi F. Storia della Pedagogia. Roma-Bari: Laterza. Appunti tra storia e impegno educativo. Integrazione del disabile. Radici e prospettive. Pedagogia speciale. I bisogni educativi speciali. Milano: Guerini. Storia della follia.

Le correnti della tradizione pagana romana in Italia

Milano: Rizzoli. Gaudreau J. Galanti M. Affetti ed empatia nella relazione educativa. Napoli: Liguori. Canevaro, J. Dai primi tentativi alla Pedagogia moderna. Pedagogia speciale e integrazione. Dal pregiudizio agli interventi educativi. Genovesi G. Ferrara: Corso. Geremek B. Gonelli Cioni A. Martinazzoli, L. Credaro, Dizionario illustrato di Pedagogia. Milano: Vallardi.

Epistemologia, tappe costitutive e metodi della Pedagogia speciale. Le Goff J. Ricerca e insegnamento della storia. Firenze: Manzuoli. Magnanini A Corpo e educazione. Questioni di fondo. Magnanini A. Handicap: dal fattore naturale alla costruzione culturale. Milano: FrancoAngeli. Il corpo tra ginnastica ed igiene. Educazione e movimento. Pisa: Edizioni del Cerro. Il metodo di ricerca in Didattica Speciale. Mannucci A. Strategie di formazione. Milano: Unicopli. Manucci A. Per una Pedagogia e una didattica delle emozioni. Un percorso sperimentale nella scuola primaria.

Moravia S. Mura A. Riferimenti storici, temi e idee. Lo sguardo della Pedagogia speciale. Milano: Mondadori. Pioli A. Stiker H. Revue de sciences humaines et sociales, Paris: Dunod I Ed. Topolski J. Microstoria e macrostoria. Problemi metodologici. Perugia: Dipartimento di Scienze Storiche. Trisciuzzi L. Vertecchi a cura di , Il secolo della scuola.

Vigarello G. Il sano e il malato. Storia della cura del corpo dal Medioevo ad oggi. Venezia: Marsilio. The purpose of the article is to open a space for dialogue between disciplines known to be involved in bioethical debate, on the one hand, and studies of Special Pedagogy, on the other. If sindromic conditions are treated as the only yardstick of survey of existential possibilities of the unborn child, the reflection on disability condition risks to get exhausted in philosophical, moral and legal discussion, which are not comprehensive of the issue.

Starting from a different consideration of deficit situation in the unborn and new born and taking on a pedagogical perspective on the theme, authors offer some elements for the construction of a new reflective horizon with which to develop questions and answers of different sign. Le differenti e fondamentali condizioni attraverso le quali la vita si realizza assumono, infatti, importanza pedagogica. Gli sforzi di ordine culturale e politico che anche in ambito internazionale si anno I n.

Deve leggersi in tal senso la vocazione interdisciplinare Pavone, che da sempre ha portato la Pedagogia Speciale a porsi in costante dialogo con altri saperi, talvolta considerati come territori di confine Canevaro, In tale prospettiva, diventa fondamentale sviluppare una riflessione, dal carattere bio etico, assumendo il portato del sapere pedagogico-speciale che permette di costruire itinerari concreti di formazione. In tal modo, si anno I n. Non si tratta di esercitare pressioni morali o esprimere veti su decisioni libere.

Si tratta, I. Riferimenti bibliografici Beckwith F. The Journal of Medicine and Philosophy, 31 2 , Brassington I. Journal of Medical Ethics blog. Cameron C. Is there an ethical difference between preimplantation genetic diagnosis and abortion? Journal of medical ethics, 29 2 , Campbell A. Deciding the care of severely malformed or dying infants. Journal of Medical Ethics, 5 2 , Le logiche del sentiero e del confine. Cottrell D. Communicating an evolutionary diagnosis of disability to parents. Child: Care, Health and Development, 16 4 , Daniels N. Hastings Center Report, 36 4 , Integrazione: la dimensione internazionale.

Studium Educatonis, 3 , Finnis J. The rights and wrongs of abortion: A reply to Judith Thomson. Garden R. Disability and narrative: new directions for medicine and the medical humanities. Medical Humanities, 36 2 , Gaspari P. Gessa Kurotschka V. Napoli: Guida. Gigerenzer G. Psychological Science in the Public Interest, 8 2 , Gillam L. Prenatal diagnosis and discrimination against the disabled. Journal of medical ethics, 25 2 , Giubilini A.

After-birth abortion: why should the baby live? Journal of medical ethics. Graungaard A. Why do we need a diagnosis? Child care health and development, 33 3 , Griffin C. Utah Law Review, 3. Il futuro della natura umana. I rischi di una genetica liberale. Ceppa, Trans. Honneth A. Leiden an Unbestimmtheit. Eine Reaktualisierung der hegelschen Rechtsphilosophie. Stuttugart: Reclam. Kittay E. At the Margins of Moral Personhood. Ethics, October , Kuczewski M.

Disability: an agenda for bioethics. Kuhse H. Should the baby live? The problem of handicapped infants. McMahan J. Journal of the American Academy of Religion. New York: Oxford University Press. Morin E. Milano: Raffaello Cortina. Mura, A. Tra passato e presente verso il futuro: i genitori di fronte alla diagnosi.

Mura Ed. Dimensioni emergenti nel processo di integrazione pp. Pedagogia Speciale. Newell C. Disability, bioethics, and rejected knowledge. The Journal of medicine and philosophy, 31 3 , Nocella A. Emergence of Disability Pedagogy. Journal for Critical Education Policy Studies, 6 2 , The Enduring Significance of John Rawls.

Chronicle of Higher Education, OMS International Classification of Functioning, Disability and Health. Geneve: OMS. Lo sguardo della Pedagogia Speciale. Savulescu J. Journal of Medical Ethics Blog. Shakespeare T. Disability and the training of health professionals. The Lancet, , Sharp K.

Feminism, Abortion and Disability: irreconcilable differences? Reproductive Health, 17 2 , Silvers A. Moral status: what a bad idea! Journal of intellectual disability research: JIDR, 56 11 , — Thomson J. A Defense of Abortion. United Nations Convention on the Rights of Persons with Disabilities.

Zavalloni R. La pedagogia speciale e i suoi problemi. Zurru A. There are educational dimensions which, significantly, qualify and contribute to define the different realities of help and care, and among them emerges the culture of the body. In fact, the experience of the body cannot be simply implemented as subsidiary or integrative dimension of educational care and of the development of learnings.

This must lead to a deeper debate within the current pedagogical reflection in regards of the processes of inclusion. In this perspective, the corporeality plays a key role in the organization that emerges in terms of sensory, perceptual and cognitive awareness. The development of inclusive education is, therefore, confronted with special educational needs through the notion of expressiveness, especially because it offers the people who find themselves in situation of disability the possibility to express their voice and be heard.


  1. Decentering International Relations.
  2. NEO-ROMANTIC POETRY Vol.I - Part I. Italian - English/ Inglese - Italiano. (Italian Edition);
  3. Più di 50.000 persone seguono.
  4. Then, to the extent that there are metatheories that allow to establish the conceptual framework of a disembodied mind, there are theoretical models which can form the basis of an understanding of embodiment where the lived body and the physical body are seen in complementary sense as inseparable. Finally, the added value of corporeality in the practices of inclusive education allows to see the person in the complex uniqueness of his existence and to know how to grasp the potential of inter-individual and intrapersonal learning.

    Carboni, , p. Ed oggi, di fronte alle incognite educative del nuovo millennio, esiste una pedagogia del corpo? Cambi, , p. In sostanza, come scrive Carlo Fratini , p. Fortunato, , p. Kohut, ; Stern, ; Sander, Secondo Jeannerod , p. Riteniamo sia tale il senso per cui, secondo Polak , p. Scorsolini-Comin, de Souza Amorim, , p. Scorsolini-Comin e de Souza Amorim, , p.

    Overton, , pp. Maturana, Stewart et al. Peru, , pp. Froese, Di Paolo, , p. Carr, ; Ancona, Qualcosa che, in definitiva, si avvicina molto a quello che, secondo Palmieri , p. Carboni, , pp. Non a caso, come scrive Staccioli , p. Ancona D. Sensemaking: Framing and Acting in the Unknown. The Handbook for Teaching Leadership. Snook, N. Nohria, Khurana eds. Knowing, Doing, and Being Section I, pp. SAGE Publications. Aprile L. Tra neuroscienze e scienze umane. Qualche riflessione Studi sulla formazione, , Argyle M.

    Il corpo e il suo linguaggio. Bologna: Zanichelli. Bonange J-B. EPS, 1, 37, Ecologia dello sviluppo umano. Pratiche ordinarie di didattica inclusiva: gli otto passi per crescere. Per una pedagogia del corpo, oggi. Mente, Quarterly Journal of Philosophy, 14, Neuroscienze e pedagogia: quale rapporto. Educazione e handicappati. Bologna: Cappelli. Canevaro, G. Pedrini, F. Torino: Omega. Carboni M. Le tracce del corpo, i riflessi dello sguardo.

    Lecce-Brescia: Pensa MultiMedia. Carr D. London: Routledge. Damasio R. Emozione, ragione e cervello umano. Edelman G. Darwinismo neurale. Carboni, Le tracce del corpo, i riflessi dello sguardo. Per una cultura educativa del corpo. Lecce: Pensa MultiMedia. Ferrari P. Neuroni specchio, azione e relazione. Il cervello che agisce come fondamenta della mente sociale. Rivista Sperimentale di Freniatria, , Fortunato F. Trento: Prov. Definiamo il tema: gesto e intercultura. Fortunato a cura di , A lezione dal corpo. Fratini C. Neuroscienze, psicoanalisi e pedagogia: quale rapporto?

    Froese T. The enactive approach: Theoretical sketches from cell to society. Fuchs T. The Challenge of Neuroscience: Psychiatry and Phenomenology today. Psychopathology, 35, Enactive intersubjectivity: Participatory sense-making and mutual incorporation. Phenomenology and the Cognitive Sciences, 8, Galimberti U. Il corpo. Gallagher S. Body schema and intentionality. Marcel, N. Eilan Eds. Gallese V. Intentional attunement: Mirror neurons and the neural underpinnings of interpersonal relations.

    Journal of the American Psychoanalytic Association, 55, Numerous dilemmas regarding Pre-Romanesque times on Croatian cultural territory that I had were resolved by these new books. I continued even more to live in company of Vladimir Goss. He forwarded me an integral and logically image of the PreRomanesque; or, let us not be ashamed to say: early Croatian art, although also he taught me that this rightful name should neither be taken exclusively nor be used as an absolute discriminant.

    Since then I continued even more to live in company of Vladimir Peter Goss. Another unexpected encounter occurred somewhere around that time, albeit a little later and in a completely different mood. I followed of course everything that he wrote, since it was very close to me in spirit and sense. In those days, both painfully sublime and somber, his contributions acted psychotherapeutically. Vladimir Goss thus remained for me a ray of light in that darkness. Finally we met in person. Not much acquainting was necessary because we already knew a lot about each other. There is a certain symbolic significance in the fact that we actually met in the library of the Archaeological Museum in Zagreb.

    Common interests brought us there. Our conversation was short and subdued, as befitting a reading room. I was glad to find out that he now was active in Croatia, teaching at the University of Rijeka, and was absolutely delighted to learn that he was researching art in the medieval Slavonia. He took a task which is equally difficult and important. There are not many monuments, at least not many that are registered and studied. Without it history of early Croatian culture is dispossessed of one arm. No Dalmatian riches can.

    It was great to find out that Vladimir Goss is doing just that — filling the gap. After that, publications came into view.

    Fare la differenza con Jonathan Horwitz - Ecologia Spirituale - parte 7 di 10

    Goss composed a mosaic of artistic jewels which he managed to find and recognize. A whole new world of spirituality and art, which was misplaced and therefore denied to us, opened unexpectedly in front of us. Figural stone sculptures in the Benedictine monastery that may seem rough, but by their facial expressions are extremely spiritualized, reminding the author of this text, despite the cultural-historic squintness of experience of the prehistoric Lepenski Vir, giving this knowingly composed and very competently interpreted collection a strong seal of a major artistic creation.

    I continued more and more to be in company of Vladimir Goss without the life bringing us closer. We were truly brought together only by Perun. And this is literally so. It is also the name of the Slavic thunder god. The peak and the name were already known, and written about. No one really dared notice even obvious traces of old Slavic religion. Thus the name of thunderer god was barely noticed even on the Istrian peninsula, despite the necessity of pushing forward Slavic antiquity. Perun in the vicinity of Split was even better known, but the treatment was similar.

    Same applied to another Perun, a mountain in the southern part of Rama basin. All interest had faded away. Nobody dared pay any attention. It happens that those who dislike pointing out this antiquity and discovering such continuities accuse us, who are systematically and persistently researching it of covering the Croatian land with names of the Russian pagan gods, as if we had made up those place names.

    An atmosphere has been created where even such argumentation might become likely. These fragments can be recognized, and by comparing them, ritual formulas that tell us about hidden mythical happenings and relations on which our world is based, as we experience it directly, can be reconstructed. Those that know these relations that are covert to the ordinary human being, and use correct wording and formulas, followed by right actions, will gain rule of that world.

    This is the sense of rituals and its hieratic poetry. Indian Brahmans are champions in developing and elaborating such ritual legend.

    By means of oral literature, which was, due to relatively late Christianization and long duration of oral culture in the early middle ages, exceptionally rich and diversified in nations of Slavic tradition, a remarkable amount of pre-Christian ritual heritage, that has been transformed into other genres of oral literature: poetry, proverbs and especially riddles, fairytales, sayings and texts describing rites, remained preserved throughout the Christian era. Parts of sacred ancient chants can be recognized primarily because usually they do not fit completely into new textual structures where they have been placed, not to say hidden.

    Hidden so that the stern Mr. Reverend Parish Priest cannot easily see them for what they are. Baltic Lithuanian and Latvian oral legends are no less rich in that aspect. Of all IndoEuropean legends they are the most related to the Slavic. Together they relay to us a non-negligible part of pre-Christian religious legend which was Indo-European and thus related to Germanic as preserved in the Icelandic Edda, the Indian and Iranian as preserved in the Veda and Avesta, to the Hellenic, where transformed remains can be recognized in the Homeric epic and in the tragedies.

    Hittite ritual texts that reached us carved in cuneiform script on hard clay tablets are also of importance. Comparing fragments of the same textual transmission in this frame allows us to somewhat reach even the Indo-European temporal level. Together with the Slavic, the Baltic represents just one offshoot of the indoeuropean oral legend, being extremely archaic due to historical circumstances, lasting unchanged for centuries, and therefore telling us very much about the primeval nature of Indo-European religious poetry and of the religious conception that it expressed.

    A broad field opened to research. Slovenia the author of this text recognized important fragments of the ancient Slavic and preChristian ritual songs, where mythical happenings are being narrated and mythical relations displayed. There was room for going even further than Ivanov and Toporov, so since he started to work on the issue.

    After receiving acknowledgement at the International Congress of Slavic Studies in Sofia in he consistently continued his research and published the results. The results were broadened and enhanced by Vitomir Belaj adding the ethnological point of view. He on the other hand received additional incentive from the Slovenian archaeologist Andrej Pleterski. Thus the negative judgment on studying ancient Slavic religion lost its power, and the research started to blossom. Besides having reconstructed Slavic pre-Christian ritual texts I also gave my full attention to traces of this ancient religion on Croatian territory.

    In the first place the names of ancient gods as place names. Just this visual connection can be regarded as first rate monument that might also be exploited for tourist purposes. Here, in as much as the circumstances allowed, I started field research. Although the research did not fail, the results would have remained very scarce due to my lack of strength, but just then matters did start moving on a broader plan. His thinking ran across similar lines as when I was observing Mosor from Sustipan in Split. He was satisfied that it was a first-class cultural and historic monument, and represented an excellent basis for developing tourism.

    Being a regular listener of my lectures on reconstruction of ancient Slavic hieratic poetry texts at the Faculty of. Humanities in Zagreb, he immediately called on me. At that time he had no knowledge about my research and their results. A free group of independent researchers was thus created, working together by researching trails of our ancient pre-Christian religion.

    In this we were joined by Vladimir Peter Goss. He too joined the group and has belonged to it ever since, immediately showing a lively interest for my research. Such a big interest that I was taken by surprise. Thus Vladimir Goss and myself started meeting and conversing more often. It turned out that we had many subjects, more than we were aware of. Goss was not only into Romanesque and Gothic art between Sava and Drava, he was also looking for remains of old religion and endeavored to decipher Slavic religious interpretation of those terrains.

    He brought the entire area, where he discovered quite an array of relevant data, closer to us. All this created a broad basis for a fruitful discussion. He collected a multitude of place names whose relevance in context of tracking ancient religion could be recognized as undoubtedly important at the first glance. A great amount of research, time and vigor was still required in order to come into open. It was only then that I directly experienced what a productive writer Vladimir Peter Goss was. He overwhelmed me with prints and photocopies of his articles, one more interesting than the next.

    He presented me with many of his new books. I was not surprised by their high scientific level, I was already aware of it. I learned a lot about cultural impulses brought about by the. Medieval contacts between Slavonia and Hungary became vivid and full of life previously unknown to me. I only regretted that I could not feel this to be generally known and taken as it should be, to make everyone feel as rich as we actually were.

    I wish that I was wrong, because the ways the real knowledge reaches those who will fertilize it are incomprehensible. The shivers caused by its profound attractiveness, and by the completeness of his failure. It was not possible to read that name and remain calm. In his notorious book on ancient Croatian art Zagreb the Austrian art historian, professor in Graz and Vienna Josef Strzygowski stood for, and reasoned about, his opinion that peculiar forms of Croatian visual arts, and especially architecture and interlace ornaments, were due to a tradition of wooden artifacts that the settlers from the North brought with them when they settled in the Roman Dalmatia, who finally transferred this tradition onto stone and into decorative stonework.

    The settlers from the North would have left, having incorporated the southern heritage from the antiquity, durable evidence of their heritage in the artifacts made by stone masons and builders once they moved into the Roman province of Dalmatia. Next to the autochthonous pre-historical and the antique Mediterranean visual heritage, there is a northern heritage, deriving from the Great migration, marking us specifically as Croats. That is why we call the visual expression of this heritage Early Croatian.

    Also, assuming that this theory holds water, and taking into account the exceptional analogy of early medieval Armenian architecture with Early Croatian need not only be parallel developments on distant margins of the Byzantine cultural domain; it can be explained again as the same tradition of wood construction and decoration that, coming to the South, replicated itself into stone. This impressive affinity then ceases to be only typological, but becomes genetic: testifying about the origin, which is of extreme importance for the people in our culture.

    Thus Croats can find in Armenia proof of their own individuality. The writer of this text, when reading his book, was quite aware of that. This is the reason why the theory,. Ljubo Karaman, champion of history of early medieval art at that time, was right. Therefore, when I understood that Vladimir Goss has written about Strzygowski, I got slightly anxious. However, after starting to read, it was immediately clear that this is not so.

    There was no room for doubt and uncertainty. On the contrary, Vladimir Goss considered them very important and unjustly neglected and started looking carefully for cultural elements brought by settlers from the North to the soil of Roman provinces, inviting others to join him in this pursuit.

    Perseverance is necessary. Here, Goss has demonstrated the first convincing results. I suddenly realized that, by understanding him better and better, I was getting more and more involved. Within the frame of integral display of literature and entire education in early medieval Croatian culture those silent centuries were supposed to somewhat begin to talk.

    At the time two completely different cultural worlds were confronted there. Imperial Dalmatia: a number of coastal and insular towns with their unconnected territories: from Osor to Kotor, in principle under direct rule of Constantinople, and the Croatian lands with additional Sclavinias, all of them legitimized by their ancestral organization. Imperial Dalmatia maintained the continuity of antique life, Christianity and religious organization, municipalities and literacy. All this was very weak, but nevertheless survived.

    Philological Studies on our Earliest Middle Ages. Despite incomplete and scarce results of such research an integral mythical picture of the world can be outlined with the help of the necessary interpretative effort. The Russian philologist Boris Alexandrovich Uspenskij contributed remarkably to this research. By stepping into their trail I managed to bring dark ages under Slavic rule to talk, together with the entire world of Slavic languages, because at that time the Croatian Slavic territory could hardly be distinguished from the rest of the Slavic world.

    Some ritual religious texts telling about mythical conditions and happenings could be reconstructed, resulting in an image of religious experience of the world, and certain legal texts indicating about legal order and judicial processes in the territories under Slavic rule could be reconstructed. This clearly demonstrates that their principality, and both introduced themselves as duces Chroatorum, was in facta Sclavinia, as mentioned by Constantine Porphyrogenitus.

    All this, ancient religion as well as ancient legislation, which cannot be strictly separated from each other, was brought into Roman Dalmatia in course of migration from the north, the same migration that brought into Dalmatia Slavic at that time proto-Slavic language, as we can discern ever more clearly. I was very deep into it without Strzygowski ever occurring to me. Contrary to him, my interest was not in artifacts but in texts, into traditional sets of words and their original meaning. Spontaneously it seemed to me that they were something completely different.

    Only the writing of Vladimir Peter Goss on and about Strzygowski opened my eyes. Artifacts or texts, both were elements of culture brought from the northern ambience and preserved in the southern context remaining visible to our research. Although not obvious at first glance, both are evidence disclosing a cultural layer which significantly defines us. Research and knowledge of our culture will remain incomplete if this layer does not receive full attention. This is why Goss is right: Strzygowski is important, if not by his results and his theory, then by the questions he raised and viewpoints that he brought into consideration.

    Since the moment when we started to converse about it I had a real interlocutor. No need to elaborate what an incentive it was to me. However on one occasion I was confused and alarmed by Vladimir Peter Goss. He denominates opponents of his research orientation, historians of art and culture who do not see,. But I, who am standing together with him, completely supporting his orientation and having already given my research contribution, consider myself a bearer and continuator of humanist tradition, and therefore a humanist.

    I will join every dispute with restricted scope, with whoever opposes the widening of horizons of space, but not against humanists. Humanists are the salt of earth. They seek and study mislaid layers of linguistic expression, cultivating and sustaining their values.

    They create an atmosphere that is beautiful and therefore worth living. The more they cover the better they are. A humanist is better if he remembers that Publius Ovidius Naso was not just one of greatest Latin poets, but also one who wrote in the language of the Getae, which he learned when banished in Tomis on Black sea, and still better if he regrets that this too was not preserved, instead of forgetting about it as something negligible in the name of classical Latin excellency.

    A humanist that includes other ancient italic languages, even Etruscan, into Latin expressive treasure, is a better humanist than the one that excludes all this. Humanistic tradition also shows this trait of exclusivity by rejecting, in the name of Cicero and Vergil, all remaining Latin, needless to say everything that is not Latin. Petrarca too thought that he gained poetical immortality by his Virgilian epic poem Africa, where he described the roman destruction of Carthage, and considered his sonnets to Laura in native Tuscan dialect as personal and unimportant.

    However today few people know of his epic poem and everyone with any education knows about his sonnets and Laura. Thus the humanistic exclusivism denies itself eloquently, and there is no reason to consider it a valuable and constitutive component of humanistic tradition. Those of us who include into our humanistic horizon the layer inherited from northern migrants are certainly better humanists than those that only see antique heritage in our territory and only want to know about it.

    They should be argued with, like Goss does, but not as with humanists, which would then deny us as such, but as with inferior humanists who are not up to challenges of fabric on which they work and care for. It is evident that within a necessarily very restricted frame Vladimir Peter Goss is an important person in our scientific community, its valuable member, especially among those that are involved in cultural history in any of its disciplines. He is imperturbable in his singularity. He brought a lot of valuable from America, never permitting it to dominate him. He remained completely ours.

    By my contribution to this Collection of Studies I join this garland of. I wish him a lot of successful work and creative energy, to his satisfaction and joy, and to benefit and enrichment for all of us. Vivat, crescat, floreat! Original title: Pramenovi magle sa sjevera pod jasnim suncem Mediterana. Damit wurde das Gebiet der Biskupija zeremoniell sakralisiert. Sie musste seinerzeit ziemlich dicht besiedelt gewesen sein, denn in alten Dokumenten hiess dieser Ort schlicht ad quinquae Ecclesias in campo im alten Kroatisch: v petih crikvah na Kosovi.

    Im Feld gab es also damals, in der Zeit als in unweitem Knin kroatische. April Mai So einen heiligen Ort kulturgeschichtlich zu interpretieren ist wohl ein sehr gewagtes Unternehmen. Nachher gelang es ihm, seine Erkenntnisse auch auf das heutige Slowenien auszubreiten. Diese drei Punkte bilden ein Dreieck. Nur die Eckpunkte sind festgesetzt worden. Aber diese heidnichen Dreiecke zeichnen sich durch gewisse Merkmale aus.

    Die dynamische Spannung, welche zwischen den Dreien herrscht, wurde auf die Form des Dreiecks projiziert. Oder, besser gesagt: auf die Art, wie die drei Punkte zueinander stehen. So, das war ziemlich einfach. Diese Diagonale wird dann im Dreieck zur Hypotenuse. Mit anderen Worten: die linie c im heiligen Dreieck wurde wie eine Hypotenuse eines rechtwinckligen Dreiecks tretiert. Oder besser: sie passten die neue Heimat den von Gott gestellten Regeln an. Das sieht in der Natur irgenwie so aus:. Ein solches Dreieck hatte also eine wichtige politische Funktion.

    Das gibt den Historikern ein post quem non Kriterium bei der Bewertung solcher Erscheinungen. Es gelang mir mehrere solche Dreiecke auf dem kroatischen Gebiet zu finden. Das deutete wahrscheinlich auf andere Funktionen dieser Dreiecke hin. Sie dienten wohl den Fruchtbarkeitsriten. Es schwindelt mir schon von dieser mathematischen Exaktheit auf welche wir Humanisten nicht vorbereitet sind. Das habe ich nur Adi zu verdanken! Er fand, wie ich sagte, einige Stellen Punkte welche auf das slawische Heidentum hindeuten, beobachtete sie als ein Ganzes und entdeckte ihren gemeinsamen Sinn.

    Er konnte aus der geometrischen Form, welche er fand, den Inhalt des Mythes von der Erschaffung der Weltordnung herauslesen. Gut, eine der Kirchen, und zwar jene auf der Crkvina, war der Jungfrau Maria geweiht. An der Stelle wo man kein Wasser finden kann, vom Regenwasser in der Zisterne abgesehen? Wie gesagt, ging Pleterski vom gesicherten Material aus, ich hatte aber keines. Er las den Inhalt des Mythes von der Erschaffung der Weltordnung heraus. Herrjemine, war es mir flau in der Seele!

    Adi, Adi! In der Invitation stand cordially, der Aufgeforderte das war in diesem Falle ich sei free to select any scholarly topic, mit dem Wunsch, that the resulting paper be Ich bin jetzt bereit, wir kommen endlich zur Sache. Drei davon bilden ein versprechendes Dreieck:. Dreifaltigkeit 1.

    Die zwei weiteren Kirchen dienen nur als Staffage. Jeder einzelne gar nichts. Nur ein Zufall? Oder doch? Nun wird es spannend. Aber das ist nicht alles. Dazu kommt noch, dass die dritte Linie, Crkvina — Dreifaltigkeit, genau dem Meridian folgt! Maria Magdalena , Zagreb St.

    BUY ON AMAZON'S NEVER EASY

    Maria — Hl. Nein, das kann wirklich kein Zufall mehr sein. Alle Achtung! Aber wir sollten auch noch andere Merkmale begutachten. Wie steht es damit? Eines ist ziemlich klar. Dreifaltigkeit steht. Aber dort gibt es auch kein Wasser. Und das ziemt sich nicht gerade. Dreifaltigkeit ist. Dabei geht es nicht um den Namen der Gottheit, sondern um eine seiner wichtigen Eigenschaften. Nach: Goss Falls wir das annehmen, sollen wir uns auch ein bisschen umsehen.

    Also gut. Aber ich lasse nicht so leicht los. In der Umgebung gibt es noch mehrere wichtige Hinweise auf den vorchristlichen Glauben. Eine einzige Bemerkung muss ich mir noch erlauben, und dan bin ich hier zu Ende gekommen. Das ist nahe dem Azimut des Sonnenaufgangs am. Adis Intuition hat hier Wunder gewirkt. Ich muss ihm danken. Hatten schon die ebenfalls indegermanischen Illyrier hier wohnten Delmaten solche Dreiecke? Es wurde sichtbar, dass sich das mittelalterliche Christentum fest an das vorchristliche heilige Dreieck anlehnte.

    Aber etwas muss ich doch noch klarstellen. Und was hat das Ganze mit der Francia Media zu tun? Ich weiss es nicht. Die Crkvina hat kaum was gemeinsames mit, sagen wir, Ansbach zu tun. Was war damals in unserem Feld los? Am Anfang des IX. Nach Borna regierte zuerst Vladislav und nach ihm Mislav Gegen das Ende seiner Regierungszeiz entstand die Francia Media. Unser Dreieck in der Biskupija hatte also mit der Francia Media nichts zu tun.

    Umgekehrt war dies aber nicht der Fall: die Francia Media konnte beim Prozess der Umwandlung dieser heidnischen kroatischen Landschaft in eine christliche dabei sein. Aber nicht viel mehr. Space and Time in Europe: East and West, past and present, ed. Mirjam Mencej. No onda sam se prisjetio kako sam ti I zato ispisujem ove retke. A to je vrlo znakovito. A onda, u svibnju Tvojim povratkom u Hrvatsku, To su naime neprijeporni vrhunci hrvatske umjetnosti od romanike do renesanse. Vjerujem da se barem time mogu u potpunosti uklopiti u okvir ovog projekta pod nazivom: Art History — The Future is Now.

    I zato ti ispisujem ovu laudu. Nisam predvidio da dotaknem tvoje literarno djelo, tvoje romane i pripovijetke, pisane podjednako na hrvatskom i engleskom, ali ne mogu a da ipak ne spomenem tri fragmenta vezana uz taj segment tvog djelovanja. Summoning up those bygone days, he writes of Goss as a lover of culture and art, of past and present, of human creativity, of beauty and life in general.

    The whole of the text is conceived as a sentimental rendez-vous, with the youth of both Vladimir Goss and the author, stretching on a full five decades later, to the present day. When they both took their degrees in , in the following three decades they shared a fairly similar destiny. As we know, Goss went to the United States in , where he had a respectable university career, dealing first of all with medieval art and culture, with the heritage of architecture and urban design, with the pre-Romanesque, Romanesque and Gothic architecture and sculpture, links between East and West in the Middle Ages and so on.

    He published in prestigious specialised and academic journals in Croatia and elsewhere. It was for this reason that the guided tours were so successful and inspiring, for they turned into stimulating discussions about history and culture, politics and social issues, the emigration of. Without Goss, without his remarkable general culture, his knowledge, his understanding of historical facts and of art, his eloquence and his impeccable English — this would have been impossible. With a number of such and similar images of their common past, he has endeavoured, as he says, not only to give a reliable testimony to the events that happened in this vast span of five decades, but also to put forward some extremely personal conclusions and judgements.

    Mramorna portretna glava. Sprijeda se na lijevoj strani, od vrata preko brade, do. Na prijestolju je naslijedio kompromitiranoga Komoda Aurelius Commodus Antoninus Augustus , posljednjega od careva iz dinastije Antonina ubijenog Njega su carem proglasile legije iz zapadnih dijelova Carstva. Tom prigodom nakratko je boravio i u Egiptu, gdje je u Aleksandriji uspio vidjeti balzamirano tijelo Aleksandra Velikog, a posjetio je i piramide, kao i hramove u Tebi. Nedavno je, naime, Zs. Durman sqq. Radman Livaja, o. Durman, o. Illyrike Ilirski ratovi , 4.

    Fitz, K. Selem, N. Cambi, R. Migotti, M. Buzov, V. Burkowski, Z. Wiewegh, V. Daltrop 67 sqq. Migotti 13, s. The Severan period. The age of the Severans; Fitz , s. After the Marcomanic wars. Cambi Fitza i D. Lengyel and G. Radan, Budapest , VII-XI, Zagreb Cambi, Antika, Zagreb XI, Budapest , Radan, Budapest Hoffiller — B. XIX, Zagreb , Glava djevojke nr. Zagreb — Petrinjska ul. Scarre, Cronicle of the Roman emperors, London Siscia: V — The towns, settlements and topography of the northern Adriatic, eastern Alpine and western Balkan regions, Situla, vol.

    Fifteen years ago an unknown severely damaged marble portrait head of a bearded male was found in a group of Roman stone monuments kept in the yard depository of the Archaeological museum in Zagreb. No traces of an inventory number were recognized, but its provenance — Sisak — was noted twice. It is not known under what circumstances or when it arrived to the Zagreb Museum.

    The height of the head is 32,5 cm or 33 cm including the preserved part of the neck, which means it was of slightly larger than life size. Certain characteristic features of physiognomy are preserved, although the right side of the face, forehead and the front part of the vertex were broken off, allowing the suggested attribution of the portrait to the first Severan emperor, Septimius Severus, who has left his imprint from Mesopotamia to Britain, and, in a special way, in Pannonia, including Siscia. Although he was of North African ancestry, born in the Tripolis metropolis Leptis Magna, his stay in Pannonia was of a special importance for his career.

    He was a legate Legatus Augusti pro praetore of Upper Pannonia in Carnuntum, the metropolis of Upper Pannonia on the Danubian limes, and following the murder of Pertinax he was proclaimed emperor by the Danubian legions. He was very popular in the army, and his faithful legions followed him to the final victory in confrontations with other claimants to the throne and in his wars with the Parthian Empire.

    It seems that he visited Siscia during his return from the second victorious war with the Parthians, while visiting Pannonia with his imperial entourage in This event could not have passed unnoticed. The position of Siscia is unique for a number of reasons. It was located in the south-western part of the Pannonian plain near the Dalmatian border and it lay on three rivers, two of them, the Sava Savus and Kupa Colapis , being navigable. It was located on the left bank of the Kupa, near its confluence with the Sava, at a location where the Sava changes its course continuing towards the Danube in an eastern direction.

    In the vicinity of Siscia, on the opposite, right bank of the Kupa, most probably on the site of Pogorelec, there was a Celtic Iron Age settlement of Segestica, captured and destroyed by Octavianus in 35 BC. Its name thenceforth appears very rarely, while Siscia was becoming an important urban centre of Upper Pannonia as well as an important administrative, industrial, trade, craft, and traffic both riverine and land centre; it also became one.

    The town had, it seems, two harbours, and in it were the headquarters of the Pannonian fleet classis Flavia Pannonica , significant for connecting the most important harbours on the Sava, Siscia and Sirmium. It was also the period of its prodigious development. The town expanded onto the right bank of the Kupa during the period of increased urbanisation which it shared with other Pannonian regions and the Empire in general. Old urban features were being rebuilt, new ones constructed walls, baths, etc.

    All this was reflected in the development of road network, construction of bridges, etc. Parallel to this construction activity the trade was developing, and the flourishing is recognisable in various crafts, but also in spiritual life and cultural and artistic development in general. This atmosphere should have yielded monuments erected for Septimius Severus and his family, especially his sons Caracalla and Geta, and his wife Julia Domna.

    There are some epigraphic testimonies, but hitherto no statues or busts were found, although Septimius Severus, after a certain hiatus, renewed the impetus of imperial propaganda. It should thus be supposed that such monuments were erected in Siscia, either individual or in groups, since the emperor conferred upon Siscia the epithet of a Septimian colony.

    E sono entrambi registi incredibili! Tra i migliori al mondo. Entrambi sanno come fare un film, come venderlo, come ottenere il massimo dai propri attori, e da questo punto di vista sono molto simili. L'ha trovata diversa da un progetto all'altro? I solo movies di Aquaman e Cyborg arriveranno in sala nel e nel Ma Zack aveva una sua visione.

    Aquaman supereroe dalla pelle scura e io sono ben fornito sotto quel punto di vista. Mi piace l'idea di aver segnato il tono, in quel senso. Ha inserito questi tasselli mancanti e ci ha messo sopra il suo stampo. Joss ha soltanto girato alcune settimane di riprese aggiuntive. Un pochino". Qui sotto trovate una featurette dal film. Il film, presentato in anteprima al Toronto International Film Festival dello scorso anno, si appresta ad esordire nelle sale cinematografiche americane.

    I due sembrano vivere un matrimonio perfetto, con Gina, cieca fin dall'infanzia in seguito ad un incidente d'auto nel quale sono morti i suoi genitori, che dipende totalmente da James. James sente minacciata la propria esistenza e Gina inizia a notare dettagli inquietanti sul proprio matrimonio. Intanto Price Samuel L. Glass prende il nome da Mr. Glass ovvero Elijah Price , il personaggio di Samuel L. Nel cast torneranno non solo Bruce Willis, Samuel L.

    In prima battuta, tutto il cast ha specificato che si tratta di un film di Snyder, anche se il regista ha lasciato il timone a fine lavorazione. Joss Whedon ha lavorato per qualche settimana di riprese aggiuntive. Racconta bene le storie … ha messo insieme i pezzi e gli ha dato la sua impronta. Ci ha chiamati singolarmente e ci ha spiegato la situazione. Ma Zack ha una sua visione. Il fatto che Aquaman abbia la pelle scura, sono stato colpito. Mi piace essere capace di stabilire il tono.

    Vedi quello che hai fatto e diventi disposto a ripeterlo, oppure non ti piace, e ti rende autocosciente. Non sono sicuro di quanto ci possa guadagnare. E non dobbiamo ringraziare Star Wars per questo, ma Star Trek. Simmons ha una lunga carriera da caratterista e il suo ruolo del professor Terence Fletcher in Whiplash di Damien Chazelle, con conseguente Oscar, lo ha reso famoso agli occhi del grande pubblico.

    Lui ha un grande talento da regista, oltre a essere una star del cinema e un bravo attore. Ma credo che si sia completamente dedicato a finire quello che Zack voleva raccontare. Dal mio punto di vista era questo. On the Basis of Sex racconta gli ostacoli che Ruth Bader Ginsburg ha dovuto superare per ottenere l'uguaglianza nel corso della sua carriera. In epoche tumultuose come la nostra storie come questa parlano al cuore delle persone e ci ricordano dove possiamo arrivare con amore e compassione".

    Nel video della durata scarsa di un minuto, i protagonisti del cast raccontano alcuni divertenti aneddoti capitati sul set di Justice League. Nello stesso tempo possiamo dare uno sguardo ad alcune sequenze inedite. Insieme, Batman e Wonder Woman, dovranno lavorare velocemente per reclutare una squadra di metaumani contro questa nuova minaccia di recente risvegliata.

    A novembre in Italia. Ecco il video. Moritz e Tim Miller con la Sony Pictures per dare vita ad una produzione ex-novo. Nella loro lunga storia in console Sonic e company sono riusciti a vendere oltre milioni di copie in tutto il mondo. Tra i produttori Tim Miller e Neal H. Bumblebee e Optimus Prime sono gli unici due autobot apparsi finora in tutte le pellicole dedicate ai Transformers.

    Il grande attore J. Simmons ha rivelato di avere una gran voglia di lavorare con Ben Affleck ai prossimi film di Batman e di fare il suo debutto nei panni del Commissario Gordon in Justice League. E ho lavorato con Ben un paio d'anni fa in The Accountant. L'ho incontrato anni prima quindi sono contento di lavorare con lui e sarei felice anche, in futuro, di lavorarci stando dall'altra parte della cinepresa. Jessica Chastain interpreta Antonia, proprietaria col marito Dr. Potete ammirarne la copertina qui di seguito.

    Abbiamo assistito a una sintesi davvero coinvolgente e fonte di ispirazione dei loro due modi di raccontare una storia. Joss ha girato solamente alcune settimane di riprese aggiuntive. Tutti gli altri canali, invece, possono fermarsi a quota 1. Che cosa significa questo? Al momento i network non hanno rilasciato commenti ufficiali, ma alcune fonti riportano grande insoddisfazione da parte della Rai, Mediaset, e tutte le altre compagnie coinvolte. Per maggior informazioni, vi rimandiamo al sito ufficiale del Romics. I primi cortometraggi prendono vita nel capanno da giardino. Nel ha lavorato come responsabile degli effetti in Gravity.

    Gli studi di Londra hanno collaborato a progetti come Avengers: Age of Ultron, Star Wars: il risveglio della Forza, Spectre, ma il nome di Ben Morris viene citato in grandi produzioni da decenni. Sarebbe una sfida troppo grande fare un terzo lungometraggio". L'ottima ricezione riservata a Gerald's Game, adattamento del romanzo di Stephen King firmato da Mike Flanagan per Netflix, ha spinto i fan ad analizzare il film con attenzione. Le aspettative non sono state deluse visto che a uno sguardo attento troviamo non solo qualche riferimento all'universo del Re del Brivido, ma anche ai precedenti lavori di Flanagan.

    I fan di Flanagan ricorderanno che lo spaventoso Lasser Glass di Oculus ha fatto una comparsa nel recente Ouija - L'origine del male. I superfan di Stephen King avranno, inoltre, notato come Mike Flanagan abbia conservato tutti i rimandi che collegano Gerald's Game all'universo di Stephen King, inclusi i flashback di un'eclissi di sole - la stessa narrata in Dolores Claiborne.

    L'eclissi si consumava e l'odore Era come l'odore di ostriche. King ha pubblicato Dolores Claiborne e Il gioco di Gerald nello stesso anno, e l'eclissi ha un ruolo chiave nel passato di Jessie e Dolores. In un'altra battuta infine, si fa riferimento a Cujo, lo spaventoso cane idrofobo al centro dell'omonimo romanzo di King, adattato anni fa per il grande schermo.

    A caccia del regalo perfetto per il centenario di zia Lucy, il nostro simpatico e buffo amico trova un raro libro pop up in un negozietto di antiquariato. In Italia il 9 novembre Ecco trailer e poster. Ecco il comunicato stampa ufficiale: Alla luce dei tragici eventi della notte scorsa, la Warner Bros. Pictures, la Sony Pictures e la Alcon Entertainment, hanno deciso di annullare il red carpet per lo screening di domani [oggi, ndr. La Sinossi. Una serie cinematografica al momento ancora molto amata e seguita.

    Insulti omofobi ed una vera e propria aggressione violenta ai danni del regista, portato immediatamente al pronto soccorso di Fatebenefratelli all'Isola Tiberina. Prognosi di dieci giorni per una contusione della parete toracica addominale e un trauma della regione zigomatica con edema alla cornea. In Una Famiglia, una coppia Micaela Ramazzotti e Patrick Bruel fa figli per tutti quelli che non possono averne e vorrebbero costruirsi una famiglia, tra cui coppie omosessuali.

    Ieri sono stato colpito tre volte, e tre volte mi sento attaccato: come omosessuale, come regista e come persona. Anche la BIM Distribuzione, che ha distribuito il film in sala, ha voluto commentare in questo modo l'accaduto: " Siamo sconvolti e indignati per la grave violenza che ha subito Sebastiano Riso, come persona, come omosessuale e come regista. Intervistato durante la promozione del suo ultimo film, Barry Seal - Una storia americana, il regista ha scambiato quattro chiacchiere con Collider, soffermandosi anche sui lavori di Edger of Tomorrow 2 e rivelando: "Io, Tom ed Emily siamo davvero entusiasti.

    Stiamo cercando adesso di trovare il giusto momento per organizzare le riprese anche in relazione agli impegni di Emily e Tom. E alla fine siamo finiti a pensare con Christopher McQuarrie a una grande storia". Queste le sue parole: " Era un qualcosa che quando ho letto il libro ho davvero amato. So che avrebbe polarizzato i fan del libro, infatti chi ha odiato quell'epilogo nel libro lo ha odiato nel film.

    Quel finale doveva esserci, nel bene e nel male". Sono obbligata da contratto, ma mi piacerebbe realmente tornare. Vorrei vedere Carina avere il suo team personale di pirati". La gente vuole ancora andare a guardare questi film. Ma al momento non ho ancora sentito nulla". E cosi, molti fan sono rimasti preoccupati quando sono state ordinate delle riprese aggiuntive del crossover, ipotizzando che potessero trattarsi maggiormente di scene con la supereroina DC. La paura era quella di avere una sorta di X-Men in cui, seppur incentrato su un team, i film corali sono largamente incentrati su Wolverine.

    Ci pensa, cosi, Gal Gadot a smentire il rumor e a rassicurare i fan: "Ho solo girato una settimana di riprese aggiuntive. Diana serve come collante per il team. Insomma, non c'era da preoccuparsi nemmeno prima delle parole della Gadot. In una corsa contro il tempo, cercano di salvare la figlia di Kane, Indi Teagan Croft , mentre provano anche, contemporaneamente, a scongiurare una crisi globale creata proprio da Exor. Per l'uscita italiana ancora non possiamo darvi notizie certe.

    Una scelta inusuale quella di Jason Blum che, in un'intervista con Comingsoon. Questo si traduce in 'regia' in molti modi. Abbiamo avuto molte belle discussioni riguardo lo script in questi mesi. Ho delle buone sensazioni". Sono i nostri soliti trucchetti! Comcast ha dichiarato che prevede di perdere Un governatore prominente ha detto che Netflix potrebbe causare uno screditamento degli Oscar. Gambit: Daniel Craig in trattative per il ruolo del villain? Il film Fox giace ancora nel limbo dei progetti annunciati ma non realizzati, anche se Channing Tatum, da subito collegato al ruolo di protagonista, dichiara comunque di star lavorando al progetto.

    Adesso arrivano rumors da Splash Report che vogliono Craig in trattative con la produzione per il ruolo del villain. Non lo conosco e non sono coinvolto nel film. Ma certo li auguro tanta fortuna. Infondo ha provato a fare un terzo capitolo ma sembra che non ci sia riuscito, dunque come giusto che sia va per la sua strada. Gina vede il mondo con un nuovo senso di preoccupazione e indipendenza che James trova minaccioso. La famiglia di mostri e la loro fidata amica Cheyenne inseguono la strega in capo al mondo, scoprendo che non tutte le loro nuove caratteristiche sono un male.

    Del resto, nessuno ha mai detto che sia facile far felice la propria famiglia. Il suo ultimo lavoro da regista era stato nel Le regole dell'attrazione, da Bret Easton Ellis, poi, a parte qualche disavventura giudiziaria, si era dedicato alla sceneggiatura e alla produzione. Il personaggio di Peggy viene descritto come determinato e contrario allo stile di vita scelto da Frank nel corso degli anni.

    La giovane donna cerca di distanziarsi dal padre, odiando tutto quello che lo riguarda, e alle volte ha paura di lui e di quello che potrebbe fare se gli confidasse che qualcuno ha compiuto un torto nei suoi confronti. Peggy, invece, prova attrazione nei confronti di Hoffa, visto come una persona esterna alla mafia e in grado di avere un impatto sociale positivo.

    Lungo la strada la giovane e il guidatore iniziano a parlare delle proprie relazioni sentimentali, del passato e del presente, e di che effetti hanno avuto sulle loro vite. Bill Foster che nei fumetti diventa Goliath , Il film originale del ha incassato milioni di dollari in tutto il mondo, inclusi milioni di dollari a livello nazionale.

    Rudd ha recentemente ripreso il ruolo in Capitan America: Guerra Civile. Piccolo salto indietro nel tempo. Ad anni di distanza, THR ha chiesto a Carrey di elaborare sulla vicenda ma l'attore ha deciso di parlarne solo brevemente: "Ero la star e quello fu il problema. E' una attore fenomenale, comunque. Lo adoro ancora Non era nel suo stile fare certi film". Era una progressione naturale. E riguardo il film del , Empire svela un piccolo dettaglio: nella Batcaverna vedremo esposta l'armatura che Batman ha utilizzato alla fine di Batman v Superman per affrontare Superman, ovviamente tutta danneggiata.

    Su queste pagine potete leggere anche la recensione del precedente film del regista, Equals. Su queste pagine potete visualizzare il primo teaser della pellicola. Si tratta della quarta donna ad accusare il regista di stupro. La Langer, che ora ha 61 anni, avrebbe deciso di mantenere il silenzio per tutto questo tempo per non sconvolgere i suoi genitori, ora deceduti. Sembra che questo abbia spinto Renate Langer ad uscire allo scoperto dopo una lunga riflessione.

    Sono ansioso di vederla dare vita al personaggio di Ronal. Avatar 2 e Avatar 3 saranno girati contemporaneamente, seguiti a breve distanza da Avatar 4 e Avatar 5. La Vendetta di Zalazar ha incassato milioni di dollari in tutto il mondo. Il film del ha incassato, a livello globale, oltre milioni di dollari. Deknight e interpretato da John Boyega. Jake ha abbandonato il suo allenamento solo per essere catturato in un sottomondo criminale. A Jake si uniranno il suo rivale Lambert e la hacker di Jaegar di 15 anni, Amara, come unica famiglia che gli rimane.

    Nel cast tornano Charlie Day e Burn Gorman. Avengers: Infinity War, un altro personaggio della Spider-verse nel film? Cindy Moon diventa infatti Silk. Che il personaggio possa fare capolino in Infinity War? Lo scopriremo a tempo debito! Il centro del loro discorso? Di sicuro i fan sarebbero stracontenti di rivedere Neeson in versione jedi sul grande schermo: per avere eventuali conferme, non ci rimane che attendere con trepidazione! Mistero a Crooked House; ecco il trailer del giallo con Glenn Close e Christina Hendriks Tra i tanti classici che periodicamente vengono rispolverati dagli scaffali delle librerie e riportati al cinema non possono mancare i macchinosi gialli di Agatha Christie, amati da milioni di lettori.

    Naturalmente si tratta di una famiglia con molti scheletri nell'armadio. Per celebrare questo straordinario appuntamento arriva nelle sale Black Sabbath the End of the End che porta su grande schermo il concerto e le emozioni della band che ha forgiato il suono stesso del metal: i Black Sabbath. Uno show monumentale che ha calato il sipario su una carriera lunga quasi mezzo secolo. Il concerto sold out ha segnato il culmine di un tour che ha visto la partecipazione di oltre un milione e mezzo di fan. Del resto, sin dalle loro origini nel , i Black Sabbath crearono un suono che avrebbe costituito le fondamenta dell'heavy metal, influenzando le band di tutto il mondo che sarebbero venute dopo di loro.

    Ora lo strepitoso show dello scorso febbraio arriva su grande schermo solo per un giorno, il 4 ottobre elenco sale su www. E permette al pubblico di unirsi ai Sabbath e alle perfomance esclusive di alcune delle loro canzoni preferite, non suonate durante il tour, per gettare uno sguardo intimo sul mondo della band, fatto di musica, relazioni, risate e aneddoti personali. All'inizio della nostra carriera non ci saremmo mai potuti immaginare che saremmo tornati, 49 anni dopo, proprio qui a casa nostra per il nostro ultimo spettacolo".

    The End of The End offre al pubblico l'ultima incredibile occasione di ascoltare un concerto dei Black Sabbath. Come spiega Ozzy: "What a journey we've all had. It's fucking amazing". Tra i produttori della versione contemporanea della storia ci saranno Scott Bernstein, Roy Lee e John Middleton, e le riprese inizieranno nel Nella storia una giovane istitutrice accetta l'offerta di lavoro fatta da un ricco uomo di affari di Londra che le ha chiesto di occuparsi dei suoi due nipoti: Miles e Flora, di nove e otto anni, rimasti orfani.

    A quanto pare la commedia interpretata a fianco di Pierfrancesco Favino, uno dei pochi attori italiani da esportazione, piace al pubblico. Avremo 40 star italiane in tutto" commenta Fiorello. Il pubblico ama Fiorello e lui ricambia, unico tra gli ospiti del Wired a scendere le scale del palco per concedersi al pubblico che subito lo stringe in un abbraccio fatto di selfie, sorrisi e battute. Essere o essere famosi? Essere o apparire? La sovraesposizione ci porta a farci delle domande, oggi le persone vendono se stesse come un prodotto.

    Io ho scelto di raccontare questa storia attraverso agli occhi di un chitarrista che vive in una nicchia musicale invidiando la fama altrui". Uno di quei paesini in cui regna la noia, ma quando Martino scompare si crea la notizia e scatta quello che chiamo l'indotto del dolore. Chi non ce l'ha ha la miccia corta. Io non giudico gli altri, ma provo a lavorare su me stesso per migliorare. Altrimenti si fa come in politica dove tutti criticano i difetti degli altri e non parlano mai di cosa vogliono fare loro. Non si va avanti col meno peggio, io cerco il migliore".

    Le storie che racconto le vorrei vedere io per primo al cinema" ammette Fiorello. Poi si toglie un sassolino dalla scarpa: "Qualcuno mi ha scritto lamentandosi che in questi giorni sono dappertutto. Anzi, io sogno di sparire quotidianamente, quando litigo coi collaboratori, quando ho un problema Viviamo in un'epoca in cui tutti possono fare e dire tutto, siamo liberi di dire la nostra, siamo tutti esperti, siamo tutti critici, tutti bravi a dire tutto. Ognuno di noi si deve proteggere.

    Di solito chi critica si nasconde dietro un profilo tipo Zorro74 e come foto ha un gattino. Io ci metto la faccia. Se vuoi criticarmi devo sapere chi sei, come ti chiami e dove abiti. E poi ti vengo a cercare". Non ho avuto cosi tante sequenze L'attore ha spiegato di non essere stato incluso nelle riprese aggiuntive: "Penso che Joss abbia terminato la storia che Zack stava raccontando. E' quello che ho capito, dal mio punto di vista. Ma non ho mai incontrato Joss".

    Cosa ha fatto Luke Skywalker durante l'esilio ad Ahch-To? In molti se lo sono chiesto. Soprattutto, e viene da pensarlo, cosa ha mangiato il nostro Cavaliere Jedi negli anni solitari sull'isola? O meglio Chi ha mangiato? Buoni da mangiare? Sarebbe terrificante, assolutamente impensabile ma Anche plausibile! The Dime si basa sull'omonimo romanzo di Kathleen Kent e segue la storia della poliziotta gay di Brooklyn, Betty Rhyzyck, che si trasferisce a Dallas insieme alla sua fidanzata, per dirigere un gruppo di detective. Hannah Beachler, la designer di produzione del cinefumetto Marvel Studios in arrivo nel , Black Panther, ha rivelato di essersi ispirata a Blade Runner!

    E dunque il sedicesimo film del Marvel Cinematic Unverse ha tratto diretta linfa ispiratrice dal classico di Ridley Scott. Guardando con attenzione le immagini, in molti si sono fatti un po' di domande, vedendo il sito post nucleare di Chernobyl apparire in uno scatto. La foto "incriminata" vede Wonder Woman e Batman nella Batcaverna, con Alfred che lavora alle loro spalle. Dietro i due protagonisti, si intravedono le immagini di Chernobyl, Ucraina, sullo schermo del pc.

    Il disastro nucleare occorso nel a Pripyat, Ucraina, per il malfunzionamento di un reattore nucleare, ha provocato danni incalcolabili a cose, animali e persone. Purtroppo non lo sapremo fino all'uscita del film, il 16 novembre prossimo. Nel video possiamo sentire per la prima volta Atomu Mizuishi come doppiatore del minore dei fratelli Elric. Interessante notare che per la motion capture di Ed era stato usato proprio Mizuishi.

    Il regista Fumihiko Sori ha spiegato che Mizuishi e Yamada hanno lavorato molto bene insieme durante le riprese. La Arakawa ha dichiarato che le interpretazioni di Ed e Al sono state fantastiche. Sono critiche accettabili. Non porta lo stesso peso di Batman V Superman. Wonder Wheel: Kate Winslet nel primo trailer del nuovo film di Woody Allen Amazon Studios ha pubblicato in rete il primo trailer ufficiale di Wonder Wheel, il film scritto e diretto da Woody Allen in arrivo nelle sale americane a dicembre.

    Il film segue la storia di Ginny Winslet , la moglie di un tecnico delle giostre di Coney Island James Belushi che si invaghisce di un giovane bagnino di nome Mickey Timberlake. Magari la oltrepasseremo senza neanche accorgercene. Negli ultimi anni ha lavorato pochissimo, vincendo tuttavia un terzo Oscar proprio per Lincoln di Steven Spielberg, uscito cinque anni fa.

    Insieme al suo socio Samuel Friedman si ritrova ad affrontare un tribunale segregazionista tra pregiudizi e paura per uno dei processi che ha contribuito a porre le basi per il movimento per i diritti civili. Tra i produttori figura Paula Wagner, celebre per le produzioni dei film della saga di Mission: Impossible.

    Brown e Keesha Sharp. Ecco il poster: Paddington 2: ci vuole un orso per acchiappare un ladro nel nuovo poster Dopo il full trailer visto ieri, vi segnaliamo anche il nuovo poster di Paddington 2, il seguito della pellicola uscita a Natale del Diventato ormai un membro della famiglia Brown e dopo essersi trasferito con loro a Windsor Gardens, Paddington decide di iniziare a fare qualche lavoretto per comprare un rarissimo libro animato, da regalare a sua zia Lucy per il suo centesimo compleanno.

    Potete ammirare il poster qua sotto. Sembrerebbe esserci un quantitativo abbastanza deliberato di vaghezza per dare il giusto margine di manovra per la creazione delle varie storie. Ecco di seguito le foto: www. Stiamo parlando di Kelly Marcel, che ha firmato lo script di Cinquanta sfumature di Grigio, ma ha anche posto la sua firma su Saving Mr. Il regista John Crowley ha incontrato molti candidati per due mesi prima di scegliere Elgort per il ruolo di Theo.

    RatPac partecipa anche come investitore e produce il film. Il Cardellino ha guadagnato molte critiche positive per il plot dickensiano. In cambio ha ottenuto i diritti per la distribuzione in streaming sul suo servizio Prime. Ha preso parte nel film Mayday , nei panni del Presidente Kennedy da giovane. Prossimamente lo vedremo anche nel film The Billionaire Boys Club. Jigsaw si riprende Halloween: ecco in anteprima il poster italiano di Saw Legacy L'Enigmista sta tornando.

    Lo interpreta Pico Alexander, che in questa clip esclusiva comincia la sua opera di conquista non lasciandosi scoraggiare dal fatto di avere solo 27 anni. Un Superman versione pornostar anni ' Cosa ci siamo persi! Nel frattempo si torna a parlare dei baffi di Henry Cavill.

    Per chi non lo sapesse durante i reshoots l'interprete di Superman ha raggiunto sul set i colleghi sfoggiando un bel paio di baffoni. L'attore inglese era, infatti, impegnato nella lavorazione di Mission: Impossible 6 e doveva tenere i baffi per contratto. Sinceramente vedere Superman baffuto sarebbe stato un piacevole diversivo e a giudicare ai commenti di Ben Affleck sull'aspetto del collega lo spettacolo sarebbe stato assicurato. Ecco cosa ha dichiarato Ben Affleck: "Erano i tipici baffi da pornostar. Aveva l'aspetto di una pornostar degli anni '70, solo con un fisico migliore.

    E' un lato di Superman che non conoscevamo". Ecco il trailer. E' uscito online un nuovo video dal set del cinefumetto DC Aquaman in cui si vede Mera contro il Commando di Atlantide: date un'occhiata! James Wan ha iniziato a lavorare alla pellicola all'inizio di quest'anno e la produzione dovrebbe concludersi tra poche settimane. Comunque alcune immagini e video dal set continuano a spuntare online, come questo, in cui si vede il personaggio di Mera, interpretata ufficialmente dalla bella Amber Heard. Bigfootkam ha postato il video dal set in cui la stunt-woman che fa le veci della Heard nelle scene action acrobatiche - Joanna Bennett — scappa sui tetti.

    Del plot non sappiamo ancora praticamente nulla, compreso il motivo per il quale il commando atlantideo stia dando la caccia a Mera: aspettiamo con ansia ulteriori notizie su Aquaman! Trovate il poster comodamente qui sotto. E mi ha aiutato aver lavorato in tanti film con Ridley Scott. In un certo senso la storia ci ha parlato e abbiamo deciso di non realizzare qualcosa di orchestrale. Ma Johann rimane uno dei miei compositori preferiti.

    Il film dura minuti ma Ci sono anche delle scene post-credit? Vediamo di rispondere alla domanda senza spoilerare troppo. Chiaramente, nel primo Blade Runner, non c'erano scene dopo i titoli di coda. Insomma, le post credit ci sono oppure no in Blade Runner ? Ma davvero volete saperlo? Allora andate in fondo alla notizia: No. La scoperta di K lo spinge verso la ricerca di Rick Deckard Harrison Ford , un ex-blade runner della polizia di Los Angeles sparito nel nulla da 30 anni.

    Cerchiamo, quindi, di conoscerle tutte Workprint Version La versione di lavoro originale, proiettata nel a Denver e Dallas durante degli screening selezionati per il pubblico. Broadcast Version Versione realizzata nel per la TV americana, pesantemente tagliata per il passaggio sul piccolo schermo. Sempre assenti, invece, le scene violente presenti nella International Cut. Questa versione contiene, inoltre, un momento fondamentale per la storia: il sogno di Deckard. Questo film corregge inoltre un errore che tutte le altre versioni di Blade Runner avevano conservato: nei precedenti film si parlava di sei replicanti fuggiti dalle colonie extramondo, aggiungendo che solo uno di loro era stato catturato durante la visita alla Tyrell Corporation.

    Il personaggio era stato eliminato durante la lavorazione ma la frase non era mai stata cambiata. Final Cut Realizzata nel Ha cambiato qualcosa nella realizzazione a causa della sua portata? Una cosa che mi interessava molto ad esempio era girare delle scene in un ospedale, volevo mostrare un momento della vita in cui sei veramente vulnerabile.

    Affidi il tuo futuro nelle mani di sconosciuti, vuoi davvero credere che quella che ti sta assistendo sia la miglior infermiera possibile. Non sapevo esattamente quando inserire tutto questo nella storia, sapevo solo che doveva partire con due fratelli separati che si riuniscono in circostanze poco felici. Una volta Mike Nichols mi disse che aveva deciso di iniziare a girare film per un solo motivo: vendicarsi. Questo in particolare elabora certamente anche la rabbia, un sentimento che non avevo mai messo in scena in precedenza.

    La storia racconta di come gli adulti sono responsabili della crescita e della frustrazione dei propri figli. Ho incontrato Randy la prima volta a colazione egli ho spiegato quale era il tono del film. Lui mi ha detto che non sapeva ancora darmi risposte sulla musica senza prima averlo visto, ma dato che uno dei personaggi, quello interpretato da Adam Sandler per la precisione, suona il piano, probabilmente avrebbe utilizzato quello strumento.

    Il giorno dopo mi ha spedito il tema principale che aveva in mente, essendo un musicista straordinario sapeva esattamente quello che cercavo da quelle note. Ho espressamente chiesto che le parti musicali fossero suonale mentre giravamo, volevo quel suono reale per il mio film. Ho davvero amato questo cast, sono anni che io e Adam Sandler provavamo a lavorare insieme, mi ha chiamato spesso per sapere se avevo qualche parte per lui. Amo questo approccio al lavoro di attore. Molti mi chiedono se i miei film sono improvvisati, e spesso lo prendevo come un insulto.

    Lo rattristava, poi, vedere come le cose andassero in un altro modo. Ma di fondo, era un eterno ottimista. Sono sicuro che se ne sia andato pensando che, prima o poi, le cose sarebbero nuovamente cambiate e che quel progresso al quale era profondamente legato fosse destinato a divenire parte del nostro carattere nazionale. Ed ero frustrato.

    Non posso vincere, ho pensato. Non avrebbe funzionato. Lo scopriremo meglio durante la visione del film. Nel cast sono stati confermati i protagonisti Paul Rudd e Evangeline Lilly. Bill Foster, aka Goliath. Dovrebbe morire o no? Deadpool 2: Cable fa la spesa nella nuova foto dal set Sembra difficile immaginare uno scenario in cui il protagonista in questione, Cable Josh Brolin sia davvero impegnato a fare la spesa, in quelle che saranno le vicende di Deadpool 2, eppure sembra proprio che il mutante si stia occupando di questo nella foto dal set che vedere di seguito.

    Al termine del primo film sono previsti 15 minuti di pausa. Sono passati ormai quattro mesi dall'uscita del primo trailer di Black Panther, il nuovo cinecomic dei Marvel Studios diretto da Ryan Coogler, accolto in maniera molto calorosa da pubblico e critica. E mentre i fan stanno aspettando con ansia un primo sguardo all'attesissimo Avengers: Infinity War, la Marvel potrebbe star preparando un nuovo trailer del film dedicato alla Pantera Nera. La Disney ha infatti aggiornato la sezione dedicata alla stampa del sito, dove solitamente vengono aggiunti i film di cui sta per essere rilasciato del materiale online.

    Questo nuovo trailer - ipotetico, al momento - potrebbe essere rilasciato durante il New York Comic-Con questo weekend, oppure allegato alle copie statunitensi di Thor: Ragnarok a fine Ottobre. In ogni caso, non dovrebbe mancare molto. Simmons, per un'uscita prevista nelle sale italiane il prossimo 16 novembre. Sono trapelate nuove informazioni in merito al lungometraggio animato dei Ghostbusters realizzato dalla Sony Animation, annunciato nel e diretto da Fletcher Moules il corto Clash of Clans.

    Potrebbe essere Slimer, o un altro spirito comparso nelle pellicole precedenti, oppure una nuova entrata. Justice League: i supereroi schierati in un nuovo poster internazionale Direttamente da Hong Kong ecco arrivare un nuovo poster internazionale di Justice League, il cinecomic del DCEU in uscita nelle nostre sale a novembre. Mi riferisco a tutti i messaggi che sono arrivati alla mia compagna Francesca Barra riguardo alla nostra relazione. Messaggi minatori, messaggi offensivi. Messaggi pieni di minacce.

    Informatica – Download – Guide e tanto altro.

    Minacce di morte a lei, a me, e soprattutto, cosa che ritengo gravissima, ai suoi figli. Potete vomitare giudizi e illazioni inverosimili su di me, ma i figli sono innocenti. Loro non hanno gli strumenti per difendersi come me. Io ho denunciato. La sceneggiatura di Destroyer racconta i dilemmi esistenziali e morali di Erin Bell che, quando era una giovane poliziotta, era stata inserita sotto copertura dentro una gang simile a un culto nel deserto della California, con risultati purtroppo disastrosi. Quando anni dopo il leader di quel gruppo riemerge dal nulla, la donna deve fare i conti con i fantasmi del proprio passato e ricontattare i membri della setta per catturare l'uomo.

    Non si sa ancora quando inizieranno le riprese del film. Nicole Kidman, premio Oscar per la sua interpretazione di Virginia Woolf in The Hours, ha recentemente ottenuto la sua quarta nomination grazie a Lion. Le riprese inizieranno nelle prossime settimane in Nevada. Roman forma un legame particolare con un esemplare particolarmente difficile, situazione che lo obbliga a confrontarsi con il proprio passato e i suoi demoni interiori. Come sempre, potete trovare il nuovo trailer comodamente all'interno della notizia.

    L'asinello Bo, fuggito dal mulino in cui sgobbava giornalmente, intraprende un viaggio al fianco della pecorella Ruth e della colomba Dave, ai cammelli ed altri animali all'inseguimento della stella cometa. Gli Eroi del Natale arriva nei cinema italiani dal 30 novembre. Bob's Burgers segue le vicende di Bob Belcher, il quale gestisce un ristorante, e della sua sempre ottimista moglie Linda, insieme ai loro tre figli. Il serial segue, dunque, le vite e le disavventure della famiglia Belcher tra amici e rivali.

    A-wing si librarono per difendere la flotta della Resistenza e i mezzi di trasporto in fuga dalla base. Kim Novak e il suo Cagliostro sono i due volti del manifesto ufficiale della manifestazione che dedica una sezione a sei film nei quali i protagonisti sono proprio i gatti. Gli occhi azzurri di una donna e gli occhi azzurri di un gatto: la strega innamorata Kim Novak e il suo Cagliostro fissano conturbanti, affascinano, catturano. Affrontando il pericolo, sorvegliano le nostre vite, le nostre case e i nostri affetti.

    Non ero sicuro fino a che non ho letto lo script. Dick Il Cacciatore di Androidi. Ma diciamo che se dovessi dirigere un film di Bond sarebbe un profondo, profondo piacere. Sempre secondo il Mirror, il film potrebbe essere girato tra Croazia, Francia e Giappone. In questo sequel i due protagonisti uniscono le forze per dare ai loro figli un Natale perfetto.

    Lo considero un film in costume ambientato oggi. Il momento in cui valutiamo le strade non seguite, i treni persi, le vittorie e le sconfitte. Il mestiere di architetto ha un ruolo centrale nel film, accomuna il padre e i due figli, quella reale e quello putativo. Un film decisamente diverso rispetto al precedente, lo conferma lo stesso Paolo Franchi. Se avessi dovuto mostrare delle scene di sesso in questo film avrei sbirciato dal buco della serratura, sarei stato pornografico, e io odio la pornografia.

    Ho usato invece molta musica, splendidamente composta da Pino Donaggio, in senso melodrammatico. Non era nel copione. E' successo e basta. E l'abbiamo tenuta nel film".